Istituto Banco Napoli - Fondazione

Le Bancali e La Storia

Scommesse e Bonafficiate

L'inestimabile patrimonio di bancali e di documenti dell'Archivio Storico dell'Istituto Banco di Napoli-Fondazione, ci da l'opportunità di accompagnarvi in un singolare ed ineguagliabile percorso sul gioco della "Bonafficiata" (l'odierno gioco del Lotto) dal XVII al XIX secolo, da un  punto di vista fino ad oggi sconosciuto, che va dalle Bancali emesse come versamento di una dote a 5 ragazze nubili e bisognose abbinate ai  5 numeri estratti, al canone di "arrendamento" (affitto) del gioco corrisposto alla Regia Camera, agli stipendi degli impiegati.

Si va a delineare, pertanto, un affresco di una delle tradizioni più diffuse a Napoli già nella prima metà del 1600, intrisa di rituali, speranze e illusioni che le testimonianze del tempo raccontano come tratto comune a tutta la popolazione, senza distinzione di classe e ceto sociale, dai sovrani agli indigenti, dai nobili al clero.

Tale accanimento al gioco ha catturato, nell'arco dei secoli, l'attenzione di illustri personaggi storici, da Matilde Serao a Charles Dickens, da Don Bosco a Carlo Borromeo, dividendo la critica in accaniti detrattori e appassionati sostenitori; ponendo problemi morali e religiosi; creando tensioni con la Chiesa, la quale però non si è mai sottratta nè dal giocare nè dal partecipare alla gestione dell'impresa.

Attraverso le testimonianze storiche di ben quattro secoli, mettendo in moto l'immaginazione, sarà possibile rivivere le atmosfere e l'esoterismo che questo gioco porta con sè dalla sua nascita e le speranze di coloro che hanno messo a repentaglio il proprio patrimonio nel tentativo di dare una svolta al proprio destino, oppure provare quel brivido che solo le scommesse sono capaci di procurare.

Le Origini  del Gioco del LottoSvolgimento del Gioco del LottoEstrazione delle zitelle-maritaggi 

Arrendamento del LottoL'organizzazione dell'arrendamento

Il Gioco del Lotto: abolizione e ripristino

top